Come funziona l'assicurazione per le auto d'epoca e storiche

Pubblicato il da Beve74

Quale è la differenza tra auto d'epoca e storica? Quali vantaggi comportano questi tipi di assicurazioni? Cosa è richiesto per poterle stipulare?

Differenza tra auto storiche e auto d'epoca

Nonostante spesso ci si riferisca alle auto storiche e d'epoca come se queste due categorie fossero equivalenti in realtà presentano delle differenze che è bene conoscere per scegliere la giusta assicurazione e godere dei benefici riservati a queste categorie.

Si definiscono auto storiche le vetture per le quali sono trascorsi più di 20 anni dall'immatricolazione, sono iscritte al Pubblico Registro Automobilistico (P.R.A.), sono in buone condizioni di manutenzione e hanno i normali requisiti di sicurezza (specchietti, cinture di sicurezza... ).

Si definiscono invece auto d'epoca i veicoli radiati dal P.R.A. e iscritti nei registri del Centro storico del Dipartimento per i trasporti terrestri (DTT). Non sono idonei alla normale circolazione e possono circolare solo in occasione di raduni e manifestazioni organizzate.

Iscrizione all'ASI e certificato d'identità

Per entrambe le categorie di veicoli è consigliabile innanzitutto iscriversi all'Automotoclub Storico Italiano (ASI) che ha un costo di circa 40 euro. Per iscriversi occorre essere tesserati a un club federato con l'Automotoclub Storico Italiano. L'elenco dei club si può trovare sul sito dell'ASI e tra i vari cub si può scegliere quello più adatto alla vostra categoria di veicolo. La quota di iscrizione varia da club a club.

Per ottenere il certificato d'identità il veicolo dovrà superare un esame in cui verranno esaminati gli aspetti della vettura, sia interni che esterni, per stabilire l'originalità o il perfetto restauro del veicolo. A questo punto l'auto è considerata a tutti gli effetti un’auto storica.

Sebbene quasi tutte le compagnie assicurative richiedano l'iscrizione all'ASI esistono anche alcune assicurazioni che offrono polizze comunque vantaggiose a chi possiede possiede un'autovettura immatricolata da più di 20 anni e omologabile dall'ASI (anche senza l'iscrizione).

Limiti e Vantaggi di queste assicurazioni

I limiti:

  • l'età minima per stipulare una polizza per auto d'epoca è 23 anni;

  • la guida ha dei limiti temporali (non tutto l'anno) stabiliti dalla compagnia per le auto storiche;

  • limiti di circolazione ai soli raduni o manifestazioni per le auto d'epoca;

  • i nomi dei possibili guidatori devo essere indicati al momento della stipula dell'assicurazione;

  • bisogna presentare all’assicurazione il certificato di iscrizione all’ASI, al club, il certificato d’identità dell’auto. Documenti aggiuntivi rispetto alla normale polizza

I vantaggi:

  • notevole risparmio sul premio dell'assicurazione

  • classe di merito fissa

  • non si paga il bollo, ma solo la tassa di circolazione.

  • spendendo poco di più alcune formule permettono di assicurare più auto storiche
Close up detail of a classic car at a car showFiat cinquecento

Commenta il post

VINCENZA 04/08/2016 09:03

Possiedo una SEAT FURA GL anno di immatricolazione 06/1984 scritta storica.
Vorrei sapere devo pagare l'assicurazione per intero annuale?